Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK
Logo Sigo

Fondata il 22 Novembre 1892 dal Prof. Ercole Pasquali Ente Morale con Decreto Regio n. 3512 del 24 Dicembre 1928

Logo 125° Anniversario Sigo
Logo Italcert

Fondata il 24 Novembre 1892 dal Prof. Pasquale Ercoli Ente Morale con Decreto Regio n. 3512 del 24 Dicembre 1928

Logo Italcert

Certificato n. 597SGQ01
Norma UNI EU ISO 9001:2015

Se aspetti un bambino, l’alcol puo’ attendere – seconda edizione

8 marzo 2012

Parte la II° edizione di “Se aspetti un bambino l’alcol può attendere”, campagna di informazione sulla prevenzione delle patologie fetali alcol correlate promossa da SIGO, Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, e da AssoBirra, l’Associazione degli Industriali della Birra e del Malto) dall’8 al 31 marzo, esclusivamente on line.

L’obiettivo di questa seconda edizione è mirato a informare le donne, in particolare le giovani under 30, sui rischi connessi al consumo delle bevande alcoliche durante la gravidanza. È, infatti, in questa fascia d’età che in Italia si registra 1/3 delle nascite totali nell’arco di un anno e sono proprio le giovani donne quelle che, meno delle altre, sanno che consumare alcol in questo delicato periodo può danneggiare il feto. Un gap informativo che fa tanto più riflettere, considerando che circa il 10% delle giovani in generale ha un comportamento a rischio nei confronti delle bevande alcoliche.

Non ci sono prove certe che un consumo moderato regolare e/o saltuario di bevande alcoliche in gravidanza possa provocare danni al bambino che deve nascere, ma non è nemmeno stato possibile fino ad oggi stabilire quale sia la quantità minima di alcol consumata che permette di non correre rischi. Quello che sappiamo con certezza è che è possibile prevenire completamente le patologie fetali alcol correlate semplicemente evitando di bere durante la gestazione e l’allattamento.

La prima edizione dell’iniziativa – realizzata circa 3 anni fa – ha permesso di cominciare a far luce su questo problema ancora poco conosciuto, ottenendo dei buoni risultati. Infatti, secondo un’indagine Demoskopea, oggi quasi l’80% delle donne in generale conosce i rischi del consumo di alcol nelle settimane precedenti e durante la gravidanza. Ma tra le donne che hanno avuto figli, l’8,4% dichiara che, al momento della gravidanza non erano al corrente del fatto che bere alcol durante la gestazione può creare danni al futuro nascituro. Tra queste in particolare le under 30.

Per questo SIGO e AssoBirra hanno deciso di realizzare una seconda edizione di “Se aspetti un bambino l’alcol può attendere”, dedicata in particolare alle giovani donne. Con l’aiuto di importanti testimonial, la campagna lancia alle giovani future mamme un messaggio semplice e di prudenza: “Se aspetti un bambino o hai in programma di averlo, evita di bere alcolici e chiedi comunque al tuo ginecologo informazioni sui rischi dell’alcol in gravidanza”.


La campagna utilizza più strumenti e mezzi d’informazione (il sito internet www.sigo.it e www.beviresponsabile.it, un video virale) e soprattutto il sostegno convinto di un nutrito gruppo di personaggi al femminile tra celebrities, scrittrici, blogger e parlamentari che hanno deciso di sposare questa iniziativa.

Tweet

Area Soci

User ID

Password

Seguici su

Sigo APP

  • Disponibile su Google Play
  • Disponibile su App Store
Back to Top