Logo Sigo

Fondata il 24 Novembre 1892 dal Prof. Ercole Pasquali Ente Morale con Decreto Regio n. 3512 del 24 Dicembre 1928

LE DONNE HANNO BISOGNO DI CERTEZZE

9 Giugno 2021

La SIGO (Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia) interpreta e condivide il disagio attuale delle donne e porta all’attenzione pubblica e delle Istituzioni il momento di grandissima confusione e di scarsissima informazione che le donne vivono per tutto quello che riguarda l’evento riproduttivo e la vaccinazione anti Covid.

La SIGO ricorda che è stata l’unica fonte scientifica ufficiale che ha, con successivi comunicati, ribadito che:

– la gravidanza non è una controindicazione alla vaccinazione;

– il desiderio riproduttivo o la ricerca della gravidanza non sono una controindicazione alla vaccinazione;

– l’allattamento non è una controindicazione alla vaccinazione;

– la contraccezione ormonale non è una controindicazione alla vaccinazione;

– non esistono indagini preliminari o terapie da praticare prima della vaccinazione in nessuna di queste situazioni;

– le donne gravide dovrebbero essere invitate a vaccinarsi con maggiore premura rispetto alle donne non gravide della stessa età, perché la gravidanza è una condizione di fragilità.

Nonostante i nostri comunicati, riceviamo quotidianamente mail di donne confuse, che hanno avuto le informazioni più disparate, non corrispondenti assolutamente al vero, sia nei siti di vaccinazione, sia dai curanti, o che hanno ascoltato “raccomandazioni”   dai sedicenti “esperti” che quotidianamente appaiono in video, ma che non hanno alcuna esperienza vissuta, (né teorica) di gravidanze e di corretto counselling alle donne.

La SIGO si appella pertanto alle Istituzioni affinché recepiscano i consigli della SIGO e mettano in atto una campagna di corretta informazione che rassicuri le donne in età riproduttiva verso la vaccinazione anti COVID.

Mantenere le donne in uno stato confusionale su tale argomento rappresenta un grosso deterrente alla natalità e spinge le coppie che vorrebbero avere figli a procrastinare tale evento, rendendo così ancora più drammatica la problematica “culle vuote” che, rappresenta il maggiore problema sociale della nostra Nazione.

Area Soci

Back to Top